cosa manca nelle mappe


Una schermata ottenuta effettuando una ricerca in internet per la voce mappe mentali. Il risultato è una serie di mappe con lo stesso schema che si ripete, una voce importante al centro e altre meno importanti mano a mano che si va verso la periferia del foglio. Che è una idealizzazione di come vorremmo fosse organizzato quello che osserviamo, o il nostro pensiero. Ma non è la realta’, il nostro cervello (o il discorso di presentazione di un evento, l’organizzazione di un’azienda, eccetera) non è cosi’ perfetto, non ha delle gerarchie cosi’ ben definite per cui cio’ che è piu’ importante è all’inizio della gerarchia, anzi tante volte il problema principale di un qualcosa di problematico è proprio l’inversione dei ruoli per cui aspetti meno importanti rivestono ruoli primari.

Differenze tra una mappa mentale sana ed una malata. Le mappe malate sono comunque una minoranza, rispetto alle mappe sane, perchè i mind mapper stanno bene attenti a fare la scala dal piu’ grande al piu’ piccolo. Le aziende (o i pensieri, i siti web, eccetera) malate invece sono in numero maggiore in proporzione  perchè viene piu’ difficile nella  analisi della realta’ cogliere tutti i fattori, molte volte la scala gerarchica non è rispettata non per inversione di ruoli ma per vere e proprie mancanze, per cui fattori primari non compaiono neanche. Anzi nelle ricerche avanzate (tipo CERN) sono piu’ i fattori che mancano che quelli sballati.

                                                                                                                                           post 7

Posted in blogmm, cosa manca nelle mappe, mappe mentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *