la casa del grande fratello a fuoco

Brucia la casa del grande fratello, colpevole di andare contro natura (http://gradiniemappe.com/?page_id=824): per avere un monopolio (una casa) ci vogliono alte temperature, cioe’ fuoco da per tutto
Piu’ giusta sarebbe una versione del grande fratello con una casa ed una anticasa

TELEVISIONEGrande Fratello 11, brucia la casaPrima puntata del reality Mediaset. In avvio l’omaggio a Pietro Taricone, il suo concorrente più famoso e in lotta con i meccanismi stessi della trasmissione. Un cast cosmopolita che inizia da Pomeziadi ANNA LUPINI

ROMA – Sarà l’edizione più lunga di sempre. Non si sa ancora quante puntate durerà, ma non finirà di certo quest’anno. Il Grande Fratello 11 inizia con un omaggio a Taricone. Le immagini di Pietro ai tempi del reality riempiono i  megaschermi mentre riecheggiano le sue frasi. “Ho sempre vissuto nel mito di essere famoso e questo è il bello: non mi interessa”. Un omaggio al concorrente più celebre di sempre della trasmissione, ma anche quello che per primo si era accorto dei meccanismi perversi del ‘circo mediatico’ e aveva provato, nel suo piccolo, a contrastarli. Uno come lui non ci sarà più, ma il Grande Fratello va avanti.
LE IMMAGINI DEI CONCORRENTI 1

Si entra nel consueto rito degli ingressi accogliendo Nando da Pomezia. Si legge nella sua scheda: lingue conosciute, nessuna. Per essere un cast cosmopolita un ottimo inizio. Nando lascia sulla porta Margherita, che forse entrerà in un secondo momento. Seguono Nando e Pietro che dovranno superare una sfida e arriva la bellezza mozzafiato di Norma. Italo-congolese con il compito di dar vita alla prima delle macchiette con il giovane pontino detto Nanto.

Nella prima puntata entrano in gioco 16 concorrenti – otto donne e otto uomini – cui se ne aggiungeranno in seguito diversi altri. Tra di loro c’è il Cavaliere dell’Ordine di Malta, il cassaintegrato gigolò per disperazione e il “figlio di un camorrista”. La varia umanità dell’autunno inverno 2010/2011. Pronta a lottare per conquistare uno spazio breve di notorietà.

E proprio sulla partecipazione del giovane salernitano figlio di un uomo con pesanti problemi penali – ora defunto – si concentrano le critiche della vigilia da parte di Codacons e Associazione Utenti Radiotelevisivi che criticano “la spettacolarizzazione della parentela con un soggetto camorrista, evidentemente finalizzata ad attirare l’attenzione dei mass media e dei telespettatori”.

I concorrenti sono di età compresa tra i 21 e i 37 anni, hanno in media un livello scolastico più alto rispetto alle edizioni precedenti: tanti i laureati, molti quelli che parlano anche più di una lingua straniera e che hanno vissuto all’estero. E anche giovani provenienti da famiglie interculturali.

La casa è molto differente dalle precedenti. E’ stata rasa al suolo e ricostruita ex novo. Gli ambienti sono arredati in maniera singolare ma di sicuro non li scopriremo tutti nella prima puntata.

E’ anche la prima edizione senza la tradizionale passerella: il luogo del primo contatto dei concorrenti con il pubblico, che in origine vedeva Marco Liorni nel ruolo di inviato, è ora spostato direttamente dentro lo studio.

Anche quest’anno c’è Alfonso Signorini, prodigo di battute alla conduttrice sul nuovo fidanzato Francesco Facchinetti. Un reality nel reality per la nuova love story di Alessia Marcuzzi.

Sotto la versione corretta della casa del grande fratello

Storia [modifica]

La prima ipotesi dell’esistenza dell’Antimateria fu ad opera del fisico Paul Dirac nel 1930 che per primo pensò al positrone come antiparticella dell’elettrone. Nel 1932 Carl David Anderson ne diede la conferma sperimentale dell’esistenza.

Nel 1959 i fisici Emilio Segrè e Owen Chamberlain scoprirono l’antiprotone (grazie a questa scoperta ricevettero il premio Nobel).

Nel 1965 al CERN di Ginevra con l’acceleratore di particelle PS (protosincrotone) il gruppo di ricerca condotto dal fisico italiano Antonino Zichichi scopre il primo nucleo di antimateria, e cioè un nucleo diantideuterio contemporaneamente a un gruppo del Laboratorio Nazionale di Brookhaven a New York con l’AGS (Alternating Gradient Synchroton).

Nel 1978 ricercatori italiani e francesi guidati da Giorgio Giacomelli scoprirono nuclei di antitrizio (unantiprotone e due antineutroni )e di antielio 3 (due antiprotoni e un antineutrone). Con l’acceleratore di Serpukhov scienziati russi ottennero analoghi risultati. [1]

Gli scienziati sono riusciti, nel 1995, a produrre antiatomi di idrogeno, ed anche nuclei di antideuterio.

Nel 1997 al CERN ricercatori svizzeri, italiani, inglesi, danesi, giapponesi e brasiliani sotto il progetto ATHENA (ApparaTus for High precision Experiments with Neutral Antimatter, in italiano apparato per esperimenti di alta precisione con antimateria neutrale), crearono i primi atomi di antidrogeno. Circa 50.000 atomi. [2] La stessa collaborazione riuscì a sintetizzare il protonio, un atomo instabile composto da un protone e da un antiprotone

La prima ipotesi dell’esistenza dell’anticasa (Copyright ©) del grande fratello fu ad opera di Barnaba Francesco nel 2010..
va bene ho copiato..

                                                                                                                          post 150 

Posted in Uncategorized.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *