monopoli -tutte

Nell’articolo sotto, da Repubblica, una multa a Microsoft per abuso di posizione dominante, un tentativo dell’azienda leader dei sistemi operativi di monopolizzare il mercato.
Ma se Bill Gates e’ stato costretto dai giudici a pagare 497 milioni di euro, chi altro o cosa dovrebbe pagare una multa per abuso di posizione dominante? Sotto un elenco delle realta’ che ancora resistono ai divieti di monopolio

———————————————————————————–
Il colosso Usa condannato per abuso di posizione dominante
Monti: “Ripristinate le condizioni per una corretta concorrenza”
Microsoft, sì della Commissione
alla maxi-multa da 497 milioni
L’azienda di Bill Gates dovrà anche adottare alcuni rimedi
Dovrà fornire Windows senza Media Player e cedere i codici

BRUXELLES – La Commissione europea ha formalmente deciso oggi di condannare Microsoft per abuso di posizione dominante. Il colosso dell’informatica dovrà pagare una maxi-multa da 497 milioni di euro, la più alta mai imposta dalla Ue a una singola impresa. L’azienda di Bill Gates dovrà inoltre adottare alcuni rimedi per porre fine alle violazioni della concorrenza. La decisione è stata presa nel corso della consueta riunione settimanale dell’esecutivo europeo.
Dopo oltre cinque anni di indagini – si legge nel comunicato dell’esecutivo Ue – la Commissione europea ha deciso di condannare il colosso americano dell’informatica per “abuso di posizione dominante”. Nella nota si confermano l’obbligo per il colosso Usa di fornire una versione di Windows senza Media Player e di condividere informazioni riservate con i concorrenti nel settore sei server di fascia bassa.

“La decisione odierna – ha commentato il commissario Ue per la concorrenza e responsabile dell’inchiesta Mario Monti – ripristina le condizioni per una concorrenza leale nel mercato interessato e stabilisce un chiaro principio per la condotta futura di una società con una così forte posizione dominante”.

Bruxelles accusa Microsoft di aver deliberatamente soffocato la concorrenza nel mercato dei server di fascia bassa, rifiutandosi di fornire le informazioni necessarie per permettere ai concorrenti di competere sullo stesso livello. In modo analogo, il colosso Usa ha violato la concorrenza “legando” il programma multimediale Windows Media Player al sistema operativo Windows presente su oltre nove pc su dieci.

“Visto che tali comportamenti illegali sono ancora in corso – si legge nel comunicato – la Commissione ha ordinato che siano rivelati ai concorrenti, entro 120 giorni, le interfacce necessarie affinchè i loro prodotti possano essere i grado di ‘dialogare’ con l’onnipresente sistema operativo Windows”.

Per quanto concerne Media Player, inoltre, “Microsoft è obbligata entro 90 giorni ad offrire ai produttori di Pc (o nel caso di vendita diretta, agli utenti finali) una versione del suo sistema operativo Windows senza Media Player”.

La multa imposta a Microsoft è di oltre due volte superiore alle previsioni fatte dagli esperti di diritto comunitario, secondo i quali la sanzione si sarebbe dovuta aggirare intorno ai 200 milioni di euro. Ed è superiore alla sanzione più alta mai inflitta dall’Antitrust Ue: 462 milioni di euro imposti nel 1999 al gruppo Hoffmann-La Roche. In quel caso però l’accusa era di appartenere a un cartello, mentre per abuso di posizione dominante – di cui è accusata Microsoft – la multa maggiore è stata quella da 75 milioni di euro inflitta al gruppo Tetra Pak nel 1991.
(24 marzo 2004)
http://www.repubblica.it/2003/h/sezioni/scienza_e_tecnologia/gates/multasi/multasi.html
———————————————————————————–

Chi altro dovrebbe pagare una multa, insieme a Bill Gates?

contratti

stesura bilaterale

stesura unilaterale

i contratti: monopolio di una parte quando si tratta di redarre (solo chi vende puo’ mettere mano alla stesura del contratto). In futuro anche i clienti potranno scrivere le loro clausole sui contratti
http://gradiniemappe.blogspot.com/2010/04/contratti.html

capitali

capitali di uno Stato: una sola capitale, oggi, in contraddizione con le leggi di calamite e magneti che non prevedono l’esistenza di monopoli a basse temperature. Le capitali di domani: due per stato

http://gradiniemappe.blogspot.com/2010/03/capitali.html

monete e banconote

monete e banconote: non ci sono ancora le antimonete e le antibanconote, in disaccordo con la fisica atomica di materia e antimateria

http://gradiniemappe.blogspot.com/2010/06/monete-e-antimonete.html

forum
scatole

http://www.top7.it/extra/top/EuropeanCentralBank/tabid/351/Default.aspx
http://www.top7.it/extra/top/EuropeanCentralBank/forum/tabid/353/Default.aspx

citta’

citta’: come le capitali, riferite pero’ ad una citta’ e non ad una nazione. Per ogni citta’ due centri citta’ e non uno

http://gradiniemappe.blogspot.com/2010/04/visualizza-album-completo.html

boole

logica di boole: anche questi circuiti non tengono conto della natura duale del nostro mondo. A sinistra in grigio Boole oggi, a destra domani
http://gradiniemappe.blogspot.com/2009/10/logica-boole.html

pubblicita’

in futuro anche i clienti potranno scrivere la loro sulle scatole dei prodotti (spazio in bianco di altroconsumo su un telefono della telecom)

pubblicita’ oggi: la parola solo a chi vende

pubblicita’ di un prodotto: il monopolio  ha come conseguenza la citazione dei soli lati positivi di un prodotto, oscurandone i difetti

scacchi

un monopolio ludico, quello del gioco degli scacchi, con i vari pezzi pensati come singole entita’. In un mondo basato su magneti e calamite il re e la regina non sono da intendersi come indipendenti uno dall’altro  ma come  parti di una unica entita’ con dei limiti negli spostamenti relativi, per cui per esempio la regina non potra’ allontanarsi piu’ di cinque caselle dal re eccetera.

Brucia la casa del grande fratello, colpevole di andare contro natura: per avere un monopolio (una casa) ci vogliono alte temperature, cioe’ fuoco da per tutto

Piu’ giusta sarebbe una versione del grande fratello con una casa ed una anticasa

continua..
(link multiplo su   http://bridgeurl.com/monopoli )

                                 pagina 13                                    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *