onlus: profit o no-profit?

le nuove regole sugli enti misti, formati da due parti appartenenti non ad un solo polo ma a due poli contrapposti: l’ente (se e’ formato da due parti contrapposte ma fa riferimento ad un solo statuto) non deve estendersi su due statuti, se e’ misto PROFIT-NOPROFIT non puo’ fare riferimento ad uno statuto PROFIT o NOPROFIT come avviene oggi

altra rappresentazione dello stesso concetto: all’interno di una categoria non ci puo’ essere una categoria dell’altro polo. No ad elementi PROFIT all’interno di elementi NO-PROFIT
ecco cosa vuol dire far finta di essere NO-PROFIT: in questo video di presentazione di Savethechildren alla voce spese il Direttore parla solo di un “questo 4 per cento serve a pagare il pennarello, a pagare quello che ci serve a farci lavorare” al minuto 0:56 del video e poi poco piu’ avanti un “19 per cento che serve a raccogliere fondi” presentati come indispensabili. Nessun accenno a guadagni personali

le onlus del futuro: i guadagni vanno dichiarati

 post 527 

Posted in onlus, pubblico privato, Uncategorized.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *