logica boole

un circuito logico costruito secondo la logica di Boole. Le opzioni sono regolate da leggi simili a quelle che seguono i monopoli, con la presenza di entita’ singolari. Ponendo invece che i monopoli siano solo una fase immatura, cui fa sempre seguito il passaggio ad un regime concorrenziale con due o piu’ poli, e che queste opzioni seguano le stesse leggi di calamite, magneti, atomi eccetera ogni opzione sara’ legata al suo opposto, rendendo il circuito piu’ fluido e funzionale.

                                                                                                                                                                                                                                                                                   pag 12

buzzacchino

Image and video hosting by TinyPic
Una mappa di buzzacchino, statica quando invece il cervello (come tutto, anzi al mondo non c’è niente di fermo, se non nella visione bacata (o acerba) dell’uomo)) è in continuo movimento, cosi’ come dovrebbe essere in movimento una mappa mentale. Nelle immagini, dopo  la scelta (post 5)  un’altra prova di come potrebbe essere una mappa mentale in movimento. Mancano le aggregazioni, la distanza, i poli nord e sud e qualche altra variabile.

Osservate questa immagine ruotare (analizzando le varie voci della mind map) e vi riscoprirete a controllare che le voci  al centro siano poste piu’ in alto di quelle in periferia (tipo devo riordinare le idee)

 

 

post 11

Mie mappe

Mie mappe, piu’ che altro mappe degli altri riadattate. Uso le mappe degli altri (almeno per i primi tempi, poi provero’ a fare qualche mappa partendo da zero)  perchè non ne ho mai fatta una e sono interessato piu’ a trovare nuove vie che non percorrere quelle gia’ esplorate e riesplorate, per cui mi affranco, per il momento, dalla fatica di gerarchizzare o concettualizzare un qualcosa, cioè redigere una mind-map, ipotizzando che da quel punto di vista sia gia’ stato detto tutto e non ci sia niente da aggiungere.

movimento
da una mappa di Alberto Scocco

http://www.lemappedelpensiero.it

buzzacchino
da una mappa di Roberta Buzzacchino

http://mappementaliblog.blogspot.com/

on off
da un progetto 1mas

http://www.1mas-posizionamento-motore-ricerca.it/ita/strumenti_SEO_strategia

speculare

da una mappa di Ronnie Barker  su
http://www.mindmaps.moonfruit.com/

fusione

da una mappa di Astrid Morganne su
http://lemappementali.splinder.com/ (chiuso)

aggiornato a ottobre 2010
pag 10

micro e macro 2

vedi anche
micro e macro
micro e macro 2
navigare dal micro al macro 
mille vie mille opzioni

E’ meglio o no usare i livelli? Oppure fin tanto che una organizzazione interessa qualcosa di semplice si puo’ fare a meno dei livelli, che diventano indispensabili appena la struttura diventa complessa? Per cui sono corrette tutte e due le organizzazioni, a livelli e non, sono scorrette invece le organizzazioni di fenomeni complessi con strutture senza livelli?
Nell’immagine un esempio di organizzazione scorretta, google earth, con la suddivisione di una entita’ complessa come la superficie del globo terrestre in un unico livello, settorizzato tramite longitudine e latitudine.
                                                                                                                                           pag 9