pensieri dello stesso segno

Legge dei pensieri: pensieri dello stesso segno si respingono, pensieri di segno opposto si attraggono
 2012-12-01_104755 

mappe e poli (1)
mappe e poli (2) 

2012-11-29_104316
Sopra: le mind map non conoscono ancora i poli positivo e negativo. Sotto la scoperta dei poli nella materia

L’elettricità è stata scoperta in seguito all’evidenza sperimentale dell’attrazione o la repulsione tra corpi dotati di carica elettrica, corrispondente a due stati di elettrizzazione della materia, detti positivo e negativo: corpi elettrizzati entrambi positivamente o entrambi negativamente si respingono, mentre corpi elettrizzati in modo opposto si attraggono.
A partire da questo fatto, nella seconda metà del diciottesimo secolo Charles Augustin de Coulomb formulò la legge di Coulomb, che quantifica la forza elettrica attrattiva o repulsiva che due corpi puntiformi carichi elettricamente si scambiano a distanza. A partire da tale legge è possibile affermare che un corpo carico elettricamente produce nello spazio circostante un campo elettrico tale per cui, se si introduce una carica elettrica, questa risente l’effetto di una forza, detta forza di Coulomb, direttamente proporzionale al prodotto delle due cariche e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza.
Parallelamente, l’esistenza del magnetismo naturale nella materia era noto già agli antichi greci nel V – VI secolo a.C., anche se probabilmente era già stato scoperto nell’antica Cina dove si dice fosse già in uso un rudimentale prototipo di bussola magnetica. Gli antichi avevano scoperto la capacità di alcuni minerali, come la magnetite, di attrarre la limatura di ferro o piccoli oggetti ferrosi.
Tra i più importanti studi medievali sull’argomento vi è l’ epistola De Magnete di Pietro Peregrino di Maricourt, del 1296, che introduce il concetto e la terminologia dei due poli, Nord e Sud, della calamita, e propone l’esperimento della calamita spezzata.
Nel 1600 apparve il De magnete di William Gilbert, che rimase a lungo il testo di riferimento sul tema del magnetismo, anche se i primi studi quantitativi sui fenomeni magnetostatici si possono far risalire alla fine del Settecento – inizio dell’Ottocento ad opera dei francesi Biot e Savart e, successivamente, di Ampère, sempre in Francia (Wikipedia).

MEGAPOST: mappa a due poli
Posted in Uncategorized.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *