richiesta all'ACU

Oggi 08 novembre 2010 richiesta di legalita’ all’ACU, falsa associazione non profit il cui unico interesse e’ il tornaconto economico a dispetto del proprio statuto

Spett.bile ACU, scrivo a proposito di un illecito nello Statuto della vostra associazione, che gode di benefici non spettanti giocando sulla ambiguita’ lucro-non lucro ed azienda-dipendenti, ingannando finanziatori e donatori.
Inganno che gia’ si intravede dall’uso di una forma dispregiativa del guadagno nello statuto, chiamato lucro per far credere che il guadagno illecito non va bene ed il guadagno lecito, come lo stipendio, va bene quando invece questo non corrisponde al vero.
Perche’ l’ACU e’ di fatto una associazione il cui fine e’ il guadagno, celato sotto la voce “stipendi, consulenze, ecc” fatte passare per necessarie giocando sull’altra distinzione tra azienda e dipendenti, e facendo credere che solo l’azienda debba essere senza fini di lucro e non i dipendenti.
Avendo inoltre in questa maniera accesso illegale a finanziamenti, donazioni, lasciti testamentari, ecc.
Faccio quindi una richiesta di legalita’ in via amichevole che la regola principale del vostro ente, senza scopo di lucro, valga anche per quanto riguarda stipendi, consulenze, eredita’ ed entrate simili, nel termine di 15 giorni,
trascorsi i quali senza avere ricevuto risposta positiva sara’ giocoforza il ricorso alla giustizia ordinaria.
Milano, 08 nov 2010 Francesco Barnaba

(versione corretta nella forma)

                                                                                                                         post 163 
                                                                                                                 (post 159) 

Posted in ACU, onlus, pubblico privato, Uncategorized.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *